IT / EN

PROGETTO

Torna a Roma la grande arte moderna e contemporanea. Lo fa in modo autorevole e prestigioso con "Roma Arte in Nuvola", una mostra-mercato di ampio respiro allestita dal 14 al 17 maggio 2020 nel Centro Congressi dell'EUR progettato da Massimiliano Fuksas e in particolare nella Nuvola, con la scenografica struttura che vi è sospesa all'interno. Una manifestazione che mira a colmare un vuoto di proposta nella Capitale e ha l'ambizione di diventare il polo di riferimento del collezionismo dell'Italia del Centro e del Sud, avvalendosi della curatela dello storico dell’arte Kosme de Barañano e della direzione generale di Alessandro Nicosia, esperto da oltre 30 anni nell’organizzazione di eventi culturali e di comunicazione integrata.

Tutte le discipline vi sono rappresentate, dalla pittura alle installazioni, dalla scultura alle performance, dalla video-arte alla digital art, alla street art, radunando le più importanti e rinomate gallerie italiane e internazionali.

ROMA TRA ARTE MODERNA E ARTE CONTEMPORANEA

E’ di fondamentale importanza che Roma si affacci sulla scena internazionale con una specifica piattaforma dedicata all’incontro tra arte moderna e contemporanea e all'emergere delle nuove proposte artistiche, con l'obiettivo di rivestire un ruolo propulsore nei confronti del Mezzogiorno e di tutta l'area mediterranea.

Stiamo lavorando per costruire un evento in linea con le specificità e le caratteristiche di Roma, una manifestazione in grado di assecondare la “personalità” del luogo che la contiene, amplificandone la sua identità e ottimizzandone il potere propulsore.

È prevista la partecipazione di gallerie (italiane e internazionali) che presenteranno i movimenti e i grandi nomi dell'arte ma anche un focus sulle più interessanti sperimentazioni e sulle novità che offre il mercato.

Per garantire l'alto livello qualitativo delle realtà partecipanti è stato individuato un curatore di livello internazionale e un comitato scientifico che include esperti del settore per una accurata selezione degli espositori. Saranno privilegiate nella scelta quelle gallerie che negli anni hanno aiutato, sostenuto e incoraggiato con il loro operato la crescita, lo sviluppo e la promozione dell'arte moderna e contemporanea.

LA STRUTTURA DEL PROGETTO

La fiera vuole essere un laboratorio di coesistenza di diversi linguaggi e realtà (gallerie, fondazioni, istituzioni) in grado di dare voce a esigenze a volte poco corrisposte del sistema dell’arte, favorendo legami con la compagine internazionale, muovendosi sulle linee di confine di differenti codici artistici e coinvolgendone tutte le parti in gioco per offrire al pubblico un mosaico compiuto dello stato attuale dell’arte delle sue prospettive.